Il Pensiero Critico nel test Bocconi (novità 2023)

Il test di ammissione Bocconi per l’anno accademico 2023/2024 è composto di 50 domande, suddivise in 4 aree: Comprensione Verbale, Pensiero critico, Matematica e Logica.
La grande novità rispetto agli anni passati è l’introduzione della sezione di Pensiero Critico.

Mettiti subito alla prova con le simulazioni del test di ammissione Bocconi!

La sezione di Pensiero Critico testa la capacità di concettualizzare, applicare, analizzare, sintetizzare e/o valutare le informazioni. Questa sezione è la più breve delle 3, con sole (circa) 5 domande.

Vi sono principalmente due tipologie di domande:

  1. Nella prima tipologia di domande saranno presentati dei dati e delle proposizioni e sarà necessario dire quali proposizioni sono vere (oppure false) rispetto ai dati forniti o definire quale tra le affermazioni riportate indebolisce o rafforza la tesi del testo.
  2. Nella seconda tipologia sarà presentato un breve brano. Il brano è seguito da un’affermazione e si dovrà decidere se questa informazione, in base a quanto riportato nel brano, sia vera, falsa oppure non sia possibile ricavare questo dato dal testo perché mancano informazioni

ATTENZIONE: Per questo tipo di quesiti non è necessario imparare formule, ma è fondamentale fare pratica per capirne la tipologia e ottimizzare i tempi di risposta.

Vediamo un esempio di quesito della prima tipologia!

Esempio

Quesito:

Nel rispondere alla prossima domanda si consideri il brano che segue.

“Le persone che bevono caffè sembrano vivere più a lungo, poiché bere caffè è associato a un minor rischio di morte per malattie cardiache, cancro, ictus, diabete e malattie renali. Le persone che consumano una tazza di caffè al giorno hanno il 12% in meno di probabilità di morire per queste cause, rispetto a chi non beve caffè. Questa associazione è ancora più forte per coloro che bevono due o tre tazze al giorno: la possibilità di morire per le cause prima descritte si riduce del 18%. È presente una mortalità più bassa indipendentemente dal fatto che le persone bevano caffè normale o decaffeinato, suggerendo che l’associazione non è legata alla caffeina.”

Quale delle seguenti affermazioni indebolirebbe la conclusione presentata nel testo?

  1. Su 100 persone intervistate, 30 bevono caffé normale e 20 bevono caffé decaffeinato
  2. Nel 2020, 100.000 persone sono morte per ictus, di cui 20.000 bevevano caffé decaffeinato e 40.000 bevevano caffé normale
  3. Bere una tazza di acqua e caffeina al giorno riduce del 12% la probabilità di morte per malattie cardiache, cancro, ictus, diabete e malattie renali
  4. Le persone che bevono caffé decaffeinato muoiono più spesso di diabete
  5. Bere caffé con caffeina ha effetti deleteri sullo smalto dentale e può portare a disturbi dell’apparato nervoso

Soluzione: C. L’unica affermazione che indebolisce la tesi per cui “l’associazione non è legata alla caffeina”, ovvero che i benefici non sono dovuti alla caffeina, è la risposta C. Infatti, bevendo acqua e caffeina, si dice che si riduce del 12% (esattamente come per il caffé) la probabilità di morire per le stesse malattie descritte. Ne deduciamo che quindi la caffeina potrebbe effettivamente avere un effetto benefico, che la tesi invece esclude.

Cosa aspetti? Preparati subito con Unitest! Prova la simulazione gratuita e continua ad esercitarti con le simulazioni mirate per concentrarti sugli argomenti più frequenti nei test.

Mettiti subito alla prova con le simulazioni del test di ammissione Bocconi!

Fonte: unibocconi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.